COUNTRY RESORTS

NOBILI ORIGINI PER UN AGRITURISMO DI CHARME NEL LAZIO

Dopo qualche viaggio nella campagna toscana, questa volta vi porto nel Lazio, in provincia di Roma. Qui si trova Borgo Pallavicini Mori, tenuta agricola e country resort di charme. Pronti? Partiamo 🙂

Se si percorre la via Tiberina, l’antica strada che partendo da Roma si inoltra nella bellissima piana del Tevere verso le colline a nord della città, ci si trova in un paesaggio fatto di boschi secolari ed estesi campi agricoli e ricco di colori che cambiano con l’avvicendarsi delle stagioni: ecco il suggestivo contesto in cui si trova questo splendido resort formato da una tenuta agricola e da un caratteristico borgo.

LA TENUTA E IL BORGO
La tenuta agricola, di 270 ettari, risale al XVI secolo: inizialmente di proprietà della famiglia Altieri, successivamente è passata alla famiglia Pallavicini. L’attuale proprietaria, Augusta Pallavicini Mori, è figlia del marchese Andrea Pallavicini e nipote del nobile genovese Roberto Fabio Pallavicini e della nobile romana Maria Augusta Altieri. Della famiglia Altieri è stato conservato lo stemma, la stella a 8 punte, che è ora simbolo del resort. Il borgo, che risale ai primi del ‘900, è composto da quelli che un tempo erano la villa padronale e i casali in cui alloggiavano i dipendenti, raccolti intorno a una piazza in cui è stato mantenuto l’antico abbeveratoio per i cavalli (anch’esso completamente restaurato e oggi simbolo dell’antica vocazione della tenuta). Per farlo diventare quello che vediamo oggi, conservando l’identità degli edifici e rendendoli al contempo moderni e funzionali, ci sono voluti 12 anni di accurati lavori di ristrutturazione che ne hanno valorizzato la storia e le caratteristiche. Il complesso è così diventato un agriturismo esclusivo, un relais di charme immerso nella quiete della campagna, circondato da maestosi alberi di quercia e da testimonianze delle civiltà etrusca e romana.
I CASALI E LE CAMERE
I casali portano i nomi usati un tempo nel territorio: Procoio, Fontanaccio e Polverino, e oggi ospitano le camere, tutte spaziose e curate nei minimi dettagli in uno stile che unisce la tradizione country all’eleganza e al comfort di un resort di charme. Molte camere hanno le travi a vista e il soppalco (bellissimi i soppalchi con vasca da bagno rétro), altre la zona living e l’angolo cottura, riuscendo così a soddisfare davvero tutte le diverse esigenze degli ospiti. E chi è particolarmente attento alla vista potrà scegliere tra le camere che si affacciano sulla corte interna con il suo antico fontanile, o verso la collina, o ancora sulle antiche grotte di epoca etrusca e sulla valle del Tevere, sulla piscina o sui giardini. Per i soggiorni in autunno o in inverno, assolutamente da non perdere la suite Augusta con il camino a legna!
IL RISTORANTE
Il ristorante è composto da due sale molto belle, adatte anche per cerimonie o eventi, che prendono il nome dalle due nobili famiglie proprietarie della tenuta: la sala Pallavicini e la sala Altieri. Nella sala Pallavicini, in particolare, i richiami alla tradizione sono inseriti in una cornice contemporanea con opere d’arte prestigiose e grandi vetrate che regalano una bellissima vista sulla natura circostante. In estate naturalmente si possono organizzare anche pranzi o cene all’aperto vicino alla piscina per godersi il paesaggio circostante e, se è sera, ammirare il fantastico spettacolo del tramonto. La cucina propone un menu che varia in base alle stagioni e che propone i tradizionali piatti della cucina regionale e mediterranea rivisitati in chiave moderna e preparati con ingredienti accuratamente scelti, molti dei quali di produzione della tenuta  come l’olio extra vergine di oliva, e una carta dei vini di qualità con selezionate etichette del territorio.
LA PISCINA

Sotto un antico fienile interamente ristrutturato c’è una grande piscina immersa nel verde, attrezzata con lettini e tavolini: qui ci si può abbandonare ai raggi del sole o riposare all’ombra dei gazebo in legno, ammirando il paesaggio o magari leggendo un bel libro e aspettando l’ora dell’aperitivo 🙂

LA SPA

La SPA Grotta della Regina, che prende il nome dalla vicina cavità di epoca etrusca ancora esistente, si trova in un piccolo casale a parte per garantire ancora più tranquillità, e accoglie tutti gli ospiti in cerca di benessere: sauna, bagno turco con cromoterapia e aromaterapia, massaggi su prenotazione, doccia emozionale e area relax… cosa c’è di meglio per ritemprare il corpo e lo spirito? A me piace molto anche la terrazza esterna che in estate permette di unire i benefici della SPA a quelli del contatto con la natura 😉

La SPA Grotta della Regina, che prende il nome dalla vicina cavità di epoca etrusca ancora esistente, si trova in un piccolo casale a parte per garantire ancora più tranquillità, e accoglie tutti gli ospiti in cerca di benessere: sauna, bagno turco con cromoterapia e aromaterapia, massaggi su prenotazione, doccia emozionale e area relax… cosa c’è di meglio per ritemprare il corpo e lo spirito? A me piace molto anche la terrazza esterna che in estate permette di unire i benefici della SPA a quelli del contatto con la natura 😉

L’Italia e il mondo sono pieni, è vero, di resort di lusso, ma personalmente do sempre la preferenza a quelli con una storia alle spalle, che hanno saputo conservare la loro “anima” e  da lì sono partiti per creare qualcosa di bello in piena armonia con la natura e l’ambiente circostante: le vacanze in resort come questo lasciano sempre, secondo me, un ricordo speciale. Buon viaggio!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.